Coronavirus: Andamento regionale in Italia

Published: Mar 26, 2020 by G.A. Travaglino

In questi giorni si vedono numeri ovunque. Quando si parla di COVID19, si parla innanzitutto di numeri. Ed i numeri vengono usati per fare paragoni, stilare classifiche. È quindi necessario fare un po’ di chiarezza. I numeri assoluti di casi sono veramente poco utili per fare paragoni fra regioni. Molto più utile è la prevalenza di casi in relazione al numero di abitanti (che varia molto, da regione in regione in Italia).

La situazione regione per regione

Ecco, ad esempio, il primo grafico che mostra la prevalenza di casi per 100.000 abitanti diviso per regioni. Sappiamo già della Lombardia. Ma quello colpisce sono la P.A. di Trento, la Valle d’Aosta, la P.A. di Bolzano e le Marche.

Grafico 1

Chiaramente, il numero di casi positivi è associato al numero di tamponi fatti. E nel secondo grafico possiamo vedere la prevalenza di tamponi ogni 100.000 abitanti. Il grafico ricalca bene il primo. Con qualche variazione: il Veneto è la regione con il maggior numero di tamponi ogni 100.000 persone. La Campania l’ultima.

Grafico 2

A costo di confermare l’ovvio, la associazione tra prevalenza di tamponi e prevalenza di casi è visibile a occhio nudo nel terzo grafico. Quello che sorprende un po’ è il dato della Lombardia. La Lombardia ha molti più casi di quelli che uno si aspetterebbe dato il numero di tamponi. Per intenderci, se l’associazione tra prevalenza di casi e prevalenza di tamponi fosse perfetta, tutti i pallini dovrebbero posarsi sulla linea blu al centro.

Grafico 3

Un certo grado di errore (sia sovrastima che sottostima) è da aspettarselo. Ma l’errore del dato della Lombardia (la distanza dalla retta centrale) è veramente ampio. Questo è in linea con l’idea, espressa da molti, che i casi in Lombardia sono parecchi di più di quelli riportati. Guardate invece come il Veneto ha una minore prevalenza di casi rispetto quelli che ti aspetteresti dato il numero di tamponi.

Il rapporto tra casi e tamponi

C’è un’ultima statistica da prendere in considerazione, forse la più interessante di tutte. Si tratta della proporzione di casi positivi riscontrati, in relazione al numero di tamponi fatti. Il dato non è affatto privo di difetti, perché i tamponi non sono fatti in maniera random nella popolazione. Tuttavia, ci permette di superare parzialmente il problema della grande differenza di tests che vengono fatti in ciascuna regione.

Grafico 4

Il quarto grafico riporta il numero di positivi ogni 100 tamponi. Sappiamo già della Lombardia. Ma povere Marche. E, soprattutto, osservate la Campania (dal grafico 2 che la Campania è la regione dove si fanno meno tamponi). Infine guardate il Veneto. In altre parole, gli amministratori di alcune regioni del sud fanno bene a chiedere un trasferimento immediato di materiale e risorse.

Commenti finali

Un paio di lezioni da tutto ciò:

  1. A meno di numeri così evidenti da risaltare immediatamente (la Lombardia), l’emergenza esiste, almeno in parte, dove la si cerca.
  2. I dati crudi non servono per fare confronti.

E forse i giornali dovrebbero cambiare strategia se vogliono informare a dovere.


Latest Posts

Protesta tramite altri mezzi: la legittimazione degli hackers
Protesta tramite altri mezzi: la legittimazione degli hackers

Nel Dicembre 2019, il collettivo di hackers Anonymous Italia attacca le piattorme informatiche di alcuni atenei Italiani, riesce ad ottenere dati personali degli utenti e li pubblica in rete. Questi dati includono IDs, emails, passaporti, e passwords di docenti e studenti. Nel rivendicare l’atto, il collettivo spiega l’attacco come una denuncia contro la scarsa sicurezza delle piattaforme che custodiscono i dati universitari, un atto di protesta volto a richiamare l’attenzione sugli enormi tagli subiti dal sistema educativo italiano. In fondo - spiega il collettivo - la scarsa sicurezza delle piattaforme significava che questi dati erano in qualche misura già di dominio pubblico. Almeno ora ve ne è consapevolezza.

Coronavirus: le basi psicologiche dell'aderenza alle norme di distanziamento sociale
Coronavirus: le basi psicologiche dell'aderenza alle norme di distanziamento sociale

Il nuovo coronavirus COVID-19 imperversa nel mondo, e interi Paesi hanno implementato lockdowns e imposto norme di distanziamento sociale. L’aderenza a queste norme è estremamente importante, anche - anzi, soprattutto - ora che il numero di nuovi contagi sta calando.